NEWS - LA PASQUA AI TEMPI DEL CORONA VIRUS

11/04/2020 - di Franca Manfredi

Sarà una Pasqua blindata, ma gli italiani cercheranno di mantenere le loro abitudini e le loro tradizioni soprattutto in cucina.

Per il pranzo di Pasqua al tempo del coronavirus, nasceranno senza dubbio iniziative le piu’ disparate e l’italia anche per questa pasqua non farà mancare sulle porprie tavole i piatti la qualità e la tradizione.

Gli italiani non rinunceranno ai piaceri del palato, anzi con piu’ tempo a disposizione daranno il meglio cimentandosi in cose ormai in disuso per mancanza di tempo come mettersi a fare il pane i cornetti freschi per la colazione le torte della tradizione il tutto rigorosamente fatto in casa invece che che comprato!! Tutto questo a discapito però di svariate categorie di lavoratori messe in ginocchio non tanto dal Coronavirus , ma dalla nostra classe politica e questo me ne dispiace!!!

Gli italiani hanno cambiato solo in parte le loro abitudini e avranno la meglio i ristoratori che si sono attrezzati con la consegna direttamente a domicilio dei menu’ tipici della tradizione.

Sarà senza dubbio la Pasqua piu’ domestica e più interiore che abbiamo vissuto in questi ultimi 50 anni ma la Pasqua 2020   non ce la dimenticheremo, è destinata a passare alla storia.

Oserei dire, se non pensassi ai danni catastrofici che seguiranno il passaggio di questo nemico invisibile, una Pasqua di dimensione pasquale cioè come sempre avrebbe dovuto essere.

L’unica cosa diciamo “positiva” è che il coronavirus ci accomuna tutti bianchi, gialli e neri, ricchi e poveri, belli e brutti,vecchi, giovani e giovanissimi però molto meno a significare che anche il coronavirus è discriminante.

Niente mercatini, eventi e celebrazioni, processioni religiose insomma una Pasqua domestica in famiglia a dispetto del famoso proverbio «Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi»!

Sarà una Pasqua di interiorizzazione a porte chiuse per i riti religiosi. Il Venerdì Santo a Roma la Via Crucis invece che prendere il via dal Colosseo si terrà in forma statica direttamente sul sagrato della basilica di San Pietro.

E Papa Francesco pregherà davanti a una piazza San Pietro deserta, con le televisioni di tutto il mondo collegate in diretta di fronte a una surreale e impattante immagine simbolo dello sconvolgimento inflitto dal Covid-19.

La Pasqua della pandemia sarà una Pasqua diversa senza dubbio, ma come sempre starà a noi renderla unica.

Condividi sui Social: